Visita alla Reggia di Caserta, un viaggio memorabile fra ricordi regali

Panorama della Reggia di Caserta

Nei desideri del suo committente doveva reggere il confronto con la reggia di Versailles. Verso la metà del Settecento, il re di Napoli Carlo III di Borbone convocò presso la sua corte l’architetto Luigi Vanvitelli. Così ebbe inizio la progettazione di uno fra i più sontuosi palazzi reali mai realizzati da mano d’uomo. La Reggia di Caserta è l’ultima realizzazione del Barocco italiano. Dalla sua progettazione alla posa dell’ultima pietra ci volle quasi un secolo, anche se il palazzo era già abitato sul finire del Settecento. Per completarla occorse il lavoro di oltre 2.600 maestranze fra operai semplici, capomastri, guardie e schiavi.

Il palazzo conta 1.200 stanze e 1.790 finestre distribuite su un totale di 8 piani. Vista dall’alto, la Reggia di Caserta appare come un grande edificio di forma rettangolare, scandito da quattro cortili. Lo spettacolo dell’architettura fa il paio con quello offerto dall’immenso parco reale, un lungo tappeto verde in lieve pendenza, esteso su una superficie di 120 ettari decorato da fontane, giochi d’acqua, statue realizzate dai migliori maestri napoletani, da un giardino all’italiana e da uno all’inglese. L’effetto scenografico del parco è stupefacente e culmina nella Grande Cascata finale, adornata dalle scene del celebre gruppo di statue di Diana e Atteone.

Varcato il maestoso portone d’ingresso della reggia, si apre un grande vestibolo di forma ottagonale e, su un lato di questo, ecco spuntare lo scalone reale a doppia rampa, capolavoro dell’architettura tardo barocca realizzato con marmi pregiati, rifiniti con insuperabile maestria. I suoi 117 gradini hanno fatto da set a numerosi film italiani e internazionali.

Salito lo scalone reale, arriviamo al vestibolo d’accesso dei piani superiori del palazzo. Da una parte, la Cappella Palatina, ispirata alla medesima collocata nella Reggia di Versailles, e il piccolo Teatro di Corte, a forma di ferro di cavallo. Dall’altra parte, inizia la visita alla lunga sequenza di appartamenti. La reggia è un’opera d’arte del patrimonio architettonico italiano e, a sua volta, è un contenitore di molte altre opere d’arte. Nelle sue sale e nei suoi appartamenti è un continuo susseguirsi di affreschi, sculture, stucchi e bassorilievi.

La Sala del Trono è il più ricco e suggestivo degli appartamenti della reggia. In questa enorme sala, lunga ben 36 metri, il re amministrava la giustizia, riceveva gli ambasciatori e teneva le sue feste da ballo. Poco oltre, ecco l’appartamento settecentesco, o appartamento vecchio, una serie di quattro stanze dedicate alle quattro stagioni: le prime tre erano riservate alle udienze del re, mentre l’ultima era adibita a luogo di vestizione di sua maestà.

L’ampio cerchio di sale e appartamenti della reggia vi stupirà per lusso e sontuosità. Ma non potrete fare a meno di uscire all’aperto per ammirare gl’incredibili giochi di prospettive offerti dal grande parco reale. Tutte le fontane del parco, fra le maggiori se ne contano ben sei, sono decorate da grandi gruppi scultorei rappresentanti scene mitologiche e sono alimentate dall’acquedotto Carolino, un complesso sistema idraulico che attinge l’acqua a oltre quaranta chilometri di distanza dalla reggia, superando valli e rilievi. Il miglior panorama sul complesso regale potrete ammirarlo al culmine del parco, proprio sotto la Grande Cascata. Tuttavia, anche nei giardini gli scorci idilliaci non mancano.

Sul lato orientale del parco si apre il Giardino Inglese, 23 ettari di verde, con piante provenienti dall’Inghilterra, dall’America e dall’Olanda, palme esotiche originarie delle Canarie, cedri del Libano, araucarie dell’Australia e della Nuova Guinea. Ampi prati, aiuole e giochi d’acqua nel Giardino all’Italiana, complesso di gradevoli simmetrie e forme strabilianti.

Settecentesca è anche Tenuta San Domenico, certo non paragonabile per dimensioni alla vicina Reggia di Caserta, che dista appena una manciata di chilometri. Tenuta San Domenico si trova nei pressi di Capua e come il più illustre palazzo reale è circondato da un bel parco fiorito. Già residenza di nobili famiglie borboniche, la residenza ospita un relais con otto camere elegantemente arredate e dotate di vasca idromassaggio. Location perfetta per qualunque vostro evento di prestigio, anche grazie all’assistenza di un ottimo ristorante, Tenuta San Domenico vi propone tanto relax e quiete. Nel rigoglioso parco di dieci ettari, decorato da specie floreali provenienti da ogni angolo del mondo, la piscina e il solarium per le vostre ore dedicate al dolce far niente.

Il Parco della Reggia di Caserta    Scalone reale    Statua di Diana nella Grande Cascata    Specchio d'acqua nel Giardino all'Inglese

Tenuta San Domenico - Parco fiorito    Tenuta San Domenico - Ingresso    Tenuta San Domenico - Piscina    Tenuta San Domenico - Evento a bordo piscina

12 aprile 2012  |  categoria: Scopri i nostri Hotel

Lascia un commento