I giardini di Villa Taranto, lo spettacolo dell’arte botanica sul Lago Maggiore

I Giardini Botanici di Villa Taranto

In vista dei prossimi weekend di Primavera, oggi vi suggeriamo una meta ai più ignota. Per raggiungerla dobbiamo arrivare fino alle rive occidentali del Lago Maggiore. Sul promontorio della Castagnola, fra le frazioni di Intra e Pallanza, scorgiamo una folta macchia verde. I giardini botanici di Villa Taranto sono una meraviglia botanica più unica che rara. Si tratta di una serie di giardini terrazzati estesa su una superficie di circa sedici ettari. Decine di migliaia di piante fioriscono proprio in questo periodo: una moltitudine di colori, specie botaniche rare, lunghi viali alberati, percorsi d’acqua e cascatelle s’alternano in stupefacenti giochi di incredibile armonia.

Fino a mercoledì 25 aprile i giardini di Villa Taranto ospiteranno la Settimana del Tulipano, vera e propria tradizione inaugurata dal padre fondatore di questa meraviglia botanica, il capitano scozzese Neil McEacharn. Il giardino ospita oltre 65 varietà differenti di tulipani, come il tulipano nero Queen of night o l’ancor più raro Big chief – la sua corolla ha un diametro di quasi dieci centimetri.

Ai giardini di Villa Taranto si può arrivare sia dalla strada fra Intra e Pallanza, nei pressi di Verbania, sia dall’imbarcadero del lago, con attracco proprio davanti ai giardini. Il viale d’ingresso è un lungo percorso di variopinte bordure floreali. I giardini sono un museo delle specie botaniche più rare e incredibili. Nelle serre potrete vedere le piante tropicali e subtropicali: fra queste, l’enorme ninfea equatoriale, la regina delle piante acquatiche i cui semi giunsero a Villa Taranto nel 1956 dall’orto botanico di Stoccolma. In un bacino del parco si schiudono i fior di loto, con i loro carnosi petali rosa; tra aprile e maggio tocca ai Cornus Florida Rubra e alla Davidia Involucrata, la prima dalle splendide tonalità rosate, la seconda dalle tenui tinte verdi.

I giardini botanici di Villa Taranto sono visitabili ogni giorno, festivi inclusi, dalle 8.30 alle 18.30. Ma se decidete di concedervi un weekend nell’Alto Lago Maggiore, vi consigliamo di dedicare un poco del vostro tempo a esplorare la riva che da Verbania si spinge verso la Svizzera, fino a Cannobio, ultimo paese prima della frontiera. Lungo questo tratto paesaggistico potrete imbattervi in stupende vedute sulle tre sponde del lago, quella piemontese, quella lombarda e quella svizzera.

Lungo la litoranea statale 34 incontrerete tante altre ville e giardini, alcuni privati, altri aperti al pubblico. E se poi vorrete trascorrere un vero soggiorno romantico sul Lago Maggiore, non vi resta che scegliere l’incanto di una dimora storica affacciata sullo specchio d’acqua, nei pressi del porticciolo turistico. L’Hotel Cannobio vi accoglierà con la sobria eleganza delle sue vesti neoclassiche, con i suoi pregiati marmi e con i suoi maestosi decori. Sulla terrazza del lago, una cena a lume di candela accompagnata dalla cucina del ristorante Porto Vecchio innaffiata da una delle rinomate etichette disponibili nella carta dei vini.

Giardini Botanici Villa Taranto - Viale d'ingresso    Giardini Botanici Villa Taranto - Tulipani    Giardini Botanici Villa Taranto - Fior di loto    Giardini Botanici Villa Taranto - Tulipani rossi

Hotel Cannobio - Vista dal lungolago    Hotel Cannobio - Esterno    Hotel Cannobio - Camera    Hotel Cannobio - Camera

17 aprile 2012  |  categoria: Scopri i nostri Hotel

Lascia un commento