2 Campanili Relais: un albergo diffuso nelle Marche per una vacanza nella Storia

2 Campanili Relais - Albergo diffuso nelle Marche

A vederla da lontano assume la forma di una nave arenata sui colli del Montefeltro. Più si prosegue lungo la strada che fende i colli marchigiani e più Urbino appare quale una magica visione uscita dalle pagine della Storia. Le fortune di Urbino si avviluppano attorno al periodo rinascimentale, nell’età d’oro dello splendido Ducato innalzato agli onori dell’arte dal colto e raffinato Federico da Montefeltro sul finire del Quattrocento. Le imponenti mura rinascimentali sono a guardia di alcuni fra i massimi gioielli del Rinascimento. Su tutti risalta la sagoma turrita del Palazzo Ducale, grandioso lascito di Federico al suo dominio, uno dei più grandiosi palazzi principeschi mai nati in Italia fra Quattro e Cinquecento, oggi affiancato dalla neoclassica Cattedrale della città.

Il Palazzo Ducale è un armonioso complesso architettonico, la cui facciata rivolta  verso la città presenta una caratteristica forma “a libro aperto”; il lato opposto del grande edificio, a strapiombo su Porta Valbona, è completato dalla facciata detta “dei Torricini”, per via delle due torri ai lati delle tre logge sovrapposte. L’opera commissionata da Federico all’architetto Luciano Laurana è oggi sede della Galleria Nazionale delle Marche, una preziosa collezione di capolavori dell’arte rinascimentale, con opere di Piero della Francesca, Federico Barocci e Raffaello Sanzio, la cui casa natale è visitabile al civico 5 dell’omonima via urbinate.

Malgrado siano meno conosciute e meno frequentate dal turismo rispetto alla vicina Toscana, la provincia di Pesaro Urbino e le Marche tutte nulla hanno da invidiarle. La gradevolezza del paesaggio, in gran parte collinare, la vicinanza del mare, le distese di campagne in fiore e un patrimonio storico, artistico e culturale di assoluto rilievo sono qualità difficili da ignorare.

Nei dintorni di Urbino, i borghi e i paesi da visitare sono innumerevoli. Salendo verso l’Appennino, appena alle spalle del capoluogo del Montefeltro, s’incontra Acqualagna, piccolo paese dall’aspetto moderno famoso per i suoi tartufi, protagonisti di una fiera nazionale fra ottobre e novembre; il pregiato tubero bianco di Acqualagna e il bianchetto, lo scorzone e il nero di Norcia si possono però degustare anche durante gli altri mesi dell’anno nei tanti locali tipici del paese e dell’Appennino marchigiano. Poco più a valle, sulla strada che conduce a Fano, ci si imbatte in Fossombrone, centro d’impronta medioevale issato su un colle, dominato dalla Cittadella e dai resti ancora visibili dell’antica rocca malatestiana.

Se si segue il corso del fiume Metauro si giunge al borgo antico di Montemaggiore. Gli edifici più belli del paese, anch’esso su un colle a guardia della valle sottostante, sono stati recuperati attraverso pazienti lavori di restauro, fino ad ottenere un accogliente albergo diffuso, formula di soggiorno per sentirsi un po’ come a casa propria, ma con tutti i servizi di un hotel di qualità: il borgo, ancora abitato dai suoi residenti, promette di  farvi sentire come a casa vostra; godere di una vacanza libera e indipendente non è mai stato così semplice. 2 Campanili Relais è composto da ben 35 differenti unità abitative, in piccole case di mattoni a vista sparse lungo i vicoli della Quattrocentesca città vecchia racchiusa fra le antiche mura di difesa: gli arredi interni vanno dal Liberty agli anni Quaranta, alcune hanno conservato eleganti caminetti e angoli cottura originali; le tipologie di sistemazioni disponibili comprendono camera standard, comunicanti – ottime per le vacanze in famiglia -,  junior suite e suite. Una camera porta il nome  di un personaggio della storia del nostro Novecento: Winston Churchill, ospite di Montemaggiore al Metauro il 25 agosto del 1944, giorno d’inizio dell’operazione “O live” nel teatro della Seconda guerra mondiale. Allo statista inglese il paese ha dedicato anche l’omonimo belvedere, proprio nel centro storico, a pochissimi passi da 2 Campanili Relais.

Nel borgo diffuso annoiarsi è del tutto impossibile. L’area wellness, immersa fra freschi pini, è quanto di meglio si possa chiedere: piscina coperta con idromassaggio, sauna e trattamenti esclusivi, alcuni dei quali “al chiaro di luna”, in un roseto profumato sono pensati per il benessere di anima e corpo. Gli spazi comuni – sala lettura, sala the, sala giochi – sono invece ottimi per rilassarsi e socializzare con gli altri ospiti dell’albergo diffuso.

Il restauro dell’antico borgo ha permesso di ricavare in uno storico edificio il Ristorante Palazzo Della Rovere, un accogliente tempio del gusto con una sala per banchetti, uno spazio all’aperto per pranzi e cene d’estate e una serie di grotte antiche con un’enoteca. Tra autentici mobili d’epoca, soffitti affrescati, portali in pietra e magnifici camini del Cinquecento, potrete concedervi i piaceri della gola: menu ispirati alla tradizione della cucina marchigiana, con qualche inserimento originale dello chef, rigorosamente a base di prodotti tipici del territorio. Da 2 Campanili Relais, e in particolare dalla sua sala meeting, potrete contemplare il panorama della valle del Metauro, fra i dolci colli della campagna che tanto ricordano quelli del Chiantishire.

Veduta del centro storico di Urbino    Duomo e Palazzo Ducale di Urbino    Iscrizione in latino sulla facciata della casa natale di Raffaello Sanzio    Il fiume Metauro a Fossombrone

Panorama sulle colline del Montefeltro    2 Campanili Relais - Camera nell'albergo diffuso    2 Campanili Relais - Ristorante Palazzo Della Rovere nell'albergo diffuso    2 Campanili Relais - Centro benessere con piscina, idromassaggio e sauna

22 marzo 2011  |  categoria: Scopri i nostri Hotel

Lascia un commento