Weekend romantico in Veneto: dalle regine delle Dolomiti alla città dell’amore

Panorama di Asolo

Affamati di amore e romanticherie? Oggi vi diamo qualche dritta per godervi un weekend romantico in Veneto. Grandi città e piccoli borghi accoccolati fra le colline della pedemontana. Il mare di Venezia e la magia delle Dolomiti. E poi i nostri hotel in Veneto. Questo viaggio è dedicato a tutte le coppie. Curiosi di scoprire di più? Si parte!

Aspettando l’Enrosadira

Per una fuga romantica accompagnati dallo spettacolo della natura potete puntare ad occhi chiusi verso le meraviglie delle Dolomiti. Fra cenge e boschi incantati, immensi prati verdi e spicchi di cielo azzurro, c’è solo l’imbarazzo della scelta. La località più chic delle Dolomiti è Cortina d’Ampezzo. Fra le vette aguzze delle Alpi il tramonto ha sempre un che di speciale: attendetelo con pazienza per ammirare lo spettacolo dell’Enrosadira, l’evento tipico delle Dolomiti che tinge di rosa e riflessi viola le cime più alte.

Asolando

Su un colle più alto degli altri la rocca. Poco più sotto il castello. Fra i due, l’intreccio di palazzi e ville storiche ombreggiati da alti cipressi. Capolavoro del Rinascimento, piccolo principato di poeti e letterati umanisti alla corte di Caterina Cornaro, Asolo ospitò i più grandi: fra Quattro e Cinquecento Pietro Bembo, Giorgione e Lorenzo Lotto. Nell’Ottocento Robert Browning, che al borgo dedicò la raccolta di liriche Asolando; più tardi Eugenio Montale e Giuseppe Ungaretti. Asolo fu il buen retiro di Eleonora Duse e il luogo di riposo dello scrittore Henry James. L’aperitivo sotto il castello è di rito. Per una vista d’eccezione salite sulle fortificazioni.

La città degli scacchi

Dalla Marca Trevigiana ci spostiamo a Marostica, cittadina del Vicentino famosa in tutto il mondo per la partita a scacchi giocata con personaggi viventi nella piazza principale – nel secondo fine settimana di settembre dei soli anni pari. Trovate Marostica a ridosso delle colline della pedemontana: inutile dire che offre uno dei più spettacolari orizzonti del Veneto. Dal castello inferiore imboccate al tramonto la breve passeggiata dei Carmini per raggiungere il castello superiore. Attendete il tramonto: il cielo immenso sopra la sconfinata pianura veneta si tingerà di rosa.

I Castelli di Romeo e Giulietta

Da Marostica puntiamo verso Vicenza: alle porte della città sorge Villa Almerico Capra, conosciuta come La Rotonda. Spingiamoci ancora più a sud verso i Colli Berici per incontrare i castelli di Romeo e Giulietta. Così sono noti i due manieri che svettano al culmine di un colle nei pressi di Montecchio Maggiore. Il Castello della Villa e il Castello della Bellaguardia sono attributi dalla leggenda popolare alle famiglie veronesi dei Montecchi e dei Capuleti.

Echi palladiani

Le grandi famiglie del patriziato veneziano elessero il Trevigiano e il Vicentino quali luoghi per le loro ville campestri. Un po’ dimore di svago un po’ aziende agricole, la maggior parte delle ville nacquero dall’estro classicheggiante di Andrea Palladio. Fra i colli asolani, a Maser, c’è Villa Barbaro, realizzata dal Palladio per l’umanista Daniele Barbaro – all’interno un ciclo di affreschi di Paolo Veronese.

Passeggiata in Riviera

Scendiamo verso le terre piatte fra le province di Padova e Venezia. Per visitare la Riviera del Brenta non c’è stagione migliore della primavera: in bicicletta o in crociera sui battelli del Naviglio del Brenta, potete scoprire paesaggi bucolici e angoli romantici.  Anche in questa porzione di terra le ville campestri sono decine, tutte o quasi circondate da splendidi parchi e giardini fioriti.

A filo d’acqua

Sarà un luogo comune da guida turistica di basso rango, ma evitare Venezia è impossibile, specie per un weekend di coppia. Gli scorci che la città offre ai veri romantici sono centinaia. Il vero modo per esplorare Venezia è perdersi senza meta fra le calli e i campielli sospesi sull’acqua – dimenticate i tour preconfezionati per turisti. Per un cambio radicale di prospettiva, una gita in gondola: vista dall’acqua, Venezia sembra galleggiare lieve fra acqua e cielo. Bacio inevitabile.

Quattro passi nella città dell’amore

La tappa finale del nostro weekend romantico non può che essere Verona. Qui Shakesperare ambientò la storia d’amore più famosa di tutti i tempi e qui è giusto far finire il nostro viaggio. La tradizione indica un palazzo in via Cappello, a pochi passi da Piazza delle Erbe, la Casa di Giulietta, con tanto di balcone e promesse d’amore affisse sui muri d’ingresso al cortile. La Casa di Romeo sorge in un vicolo secondario del centro storico – fonti storiche la attribuiscono con certezza alla famiglia dei Montecchi. Appena oltre quelle che un tempo erano le mura duecentesche della città troviamo la chiesa di San Francesco al Corso. L’edificio ospita la tomba di Giulietta: qui ogni anno le giovani coppie si uniscono nel rito civile noto come il giuramento d’amore di Giulietta. Altra meta romantica nel centro storico? Castel San Pietro, che potete raggiungere con una passeggiata mano nella mano da Ponte Pietra, accanto al Teatro Romano: il luogo perfetto per una dichiarazione d’amore.

Scorcio nel centro storico di AsoloMarosticaI Castelli di Romeo e GiuliettaVilla Barbaro - Maser (Treviso)

Villa Alberti - Dolo (Venezia)VeneziaVeduta di Verona al tramontoIl balcone della Casa di Giulietta a Verona

28 febbraio 2013  |  categoria: Regalati Emozioni

Lascia un commento