Viaggio nelle Marche, dalla poesia di Recanati ai misteri di Osimo

Panorama di Recanati

Curiosi di scoprire le Marche? Se avete a disposizione solo pochi giorni, non preoccupatevi, abbiamo pensato a un itinerario su misura per voi. Partiamo? Il nostro viaggio inizia da Recanati, il paese che diede i natali a Giacomo Leopardi. Il borgo antico sorge su d’un colle verdeggiante, a una manciata di chilometri dal mare. Molti sono i luoghi leopardiani da visitare. La casa in cui nacque e visse il poeta, Palazzo Leopardi, si trova sulla piazzetta del Sabato del Villaggio. Il palazzo è ancor’oggi abitato dai discendenti ed è aperto al pubblico. Da vedere la biblioteca: occupa l’intero primo piano e contiene ventimila volumi fra incunaboli e antichi libri raccolti dal padre di Giacomo, Monaldo.

Sulla piazzetta del Sabato del Villaggio si affaccia anche la casa di Silvia e la cinquecentesca chiesa di Santa Maria in Montemorello: nel suo fonte battesimale, nel 1798, venne battezzato Giacomo. Verso sud ecco il Colle dell’Infinito, ovvero il Monte Talbor, il luogo leopardiano forse più celebre. All’interno del parco, il Centro Studi Leopardiani. Una targa su un muro è stata posta nel luogo in cui, con tutta probabilità, il poeta trovò ispirazione per la sua celebre lirica. Poco distante, nel cortile del chiostro di Sant’Agostino, sorge la Torre del Passero Solitario, resa immortale dall’omonima poesia.

La strada provinciale che scende a mare ci conduce in poco meno di dieci minuti a Loreto, capitale del culto mariano e meta di pellegrinaggi da ogni angolo del mondo. Vista da lontano, Loreto già appare una piccola città-santuario. A dominarla è la Basilica della Santa Casa, dove migliaia di fedeli ogni anno rendono culto ai resti della casa di Nazareth dove la tradizione evangelica volle che visse Gesù. Alla basilica lavorarono, fra il Quattro e il Cinquecento, i più quotati architetti dell’epoca, da Giuliano da Sangallo a Bramante. Lo stile è gotico-rinascimentale e la sua cupola, del diametro di ben ventidue metri, ricorda per forma e dimensioni quella del Duomo di Firenze. Tutta Loreto si è raccolta attorno alla sua chiesa, cui deve tutta la sua fortuna, ed è protetta da un sistema di fortificazioni costituto da una cinta muraria eretta a partire dal Quattrocento, ancor’oggi intatta.

Da Loreto ci spostiamo poco a nord, nella vicina Osimo, antica città cinta da mura romane e medievali, piccola, elegante, dai bei palazzi sei e settecenteschi. Ma c’è una parte di Osimo che, seppur celata ai nostri occhi, affascina e attira turisti da tutt’Italia. È l’Osimo sotterranea, un complesso sistema di grotte scavate nell’arenaria sotto il centro storico del borgo, collegate fra loro da una serie di passaggi. Il labirinto ipogeo, denso di fascino e misteri, ricco di testimonianze templari, è costituito da oltre cento venti grotte e cunicoli ed è visitabile con l’accompagnamento delle guide.

Da Osimo puntiamo verso le colline marchigiane, verso Jesi, attraversiamo la verde valle dell’Esino e arriviamo a Fabriano, città celebre per la produzione della carta. Non per nulla, il suo centro storico ospita il Museo della Carta e della Filigrana. Poco distante sorge il Museo del Pianoforte storico e del Suono, una collezione di diciotto pianoforti e forte che va dal Settecento al Novecento, unica nel suo genere in Europa. Unico anche perché il museo propone visite guidate da un pianista che, oltre a narrare storia e caratteristiche di ogni esemplare storico, eseguirà alcuni brani composti con i medesimi strumenti della collezione.

A pochi chilometri da Fabriano, troviamo il borgo antico di Sassoferrato, grazioso centro dell’Appennino umbro-marchigiano circondato da boschi, montagne, dolci colline e fiumi. A pochi minuti dal centro, potrete visitare le Grotte di Frasassi, un complesso di cavità naturali tutto da scoprire. Alle porte di Sassoferrato vi attende invece l’elegante ospitalità di Residence Raffaello, piccolo hotel di charme nato dalla valorizzazione di un antico edificio storico. Per i vostri soggiorni a Residence Raffaello potrete scegliere fra le esclusive suite e gli appartamenti corredati da tutto il necessario per trascorrere una vacanza indipendente, lontana dallo stress e dal rumore della città. Tra i servizi proposti agli ospiti, la terrazza all’aperto con piscina, idromassaggio e barbecue, colazione continentale con prodotti tipici locali, Internet Wi-Fi gratuito in tutto l’hotel, sala giochi, sala cinema e sala lettura. Per tutto aprile, Residence Raffaello vi propone un’offerta speciale: per soggiorni di tre notti o più, la direzione vi offre la prima cena presso La Locanda del Papa, selezionato ristorante nel vicino borgo antico di Genga.

Siete pronti per il vostro viaggio nelle Marche?

Palazzo Leopardi a Recanati    Il Colle dell'Infinito    Basilica della Santa Casa a Loreto    Osimo sotterranea

Residence Raffaello - Esterno    Residence Raffaello - Camera Rubino    Residence Raffaello - Camera Lilly    Residence Raffaello - Appartamento Trionfo

27 marzo 2012  |  categoria: Regalati Emozioni

Lascia un commento