10 cose da vedere a Orvieto

Panorama della rupe di Orvieto

Città alta e strana fu per il poeta Fazio degli Uberti nel Trecento. E come contraddirlo? Orvieto è come sospesa fra due mondi: quello terrestre, del masso di tufo su cui svetta, e quello celeste, verso cui la città sembra tendere. Non amarla è impossibile. Avete voglia di scoprirla? Allora leggete cosa abbiamo visto per voi. Ma, prima, non dimenticate di sfogliare la nostra selezione di hotel in Umbria.

1. Duomo

Tutte le guide lo segnalano come il capolavoro dell’architettura gotica italiana. Basta pensare che per completare la sua facciata ci sono voluti tre secoli, dalla fine del Duecento all’ultimo Cinquecento, e il lavoro di venti artisti diversi. Se l’esterno è sontuoso, non di meno sono gli interni: gli affreschi della Cappella del Corporale e di quella di San Brizio sono vere e proprie meraviglie della pittura rinascimentale italiana. Per un tuffo nell’arte religiosa dal Duecento al Seicento, visitate anche il Museo dell’Opera del Duomo – tel. 0763 342477, biglietto intero 5,00 euro.

2. Piazza del Popolo e Palazzo del Capitano del Popolo

Un consiglio? Se potete, godetevi Piazza del Popolo il giovedì o il sabato mattina, nei giorni del mercato, quando lo spazio ritrova il suo volto più pittoresco. Oppure di sera, senza il caos del traffico cittadino – la piazza è adibita a parcheggio. Qui trovate anche il Palazzo del Capitano del Popolo, antica sede di governo di Orvieto, oggi luogo per esposizioni, eventi e congressi. Provate a salire sulla sua terrazza per regalarvi un panorama inebriante. La piazza, ogni anno, ospita la sfilata del corteo storico della festa del Corpus Domini, i concerti dell’Umbria Folk Festival, subito dopo Ferragosto, e il Palio dell’oca, la domenica successiva alla Pentecoste.

3. Pozzo di San Patrizio

Tutto scavato nel tufo, profondo 54 metri, il pozzo, seconda meraviglia di Orvieto dopo il Duomo, venne scavato nel Cinquecento per rifornire di acqua la città. La doppia serie di scale elicoidali realizzate da Giuliano da Sangallo vi condurranno fino al fondo della cavità: sono 248 scalini a scendere – e altrettanti a salire. Arrivati a destinazione, gettate una moneta nell’acqua: leggenda vuole che chi lo fa, presto o tardi, ritornerà a Orvieto.
Ai più temerari consigliamo l’esperienza di Orvieto Underground, una visita guidata nel ventre della città sotterranea.

4. Tempio del Belvedere

Proprio accanto al Pozzo di San Patrizio, nella parte orientale della città, ecco il solo tempio etrusco di tutta Orvieto. Fu scoperto per caso nel primo Ottocento, nel corso dei lavori per la costruzione di una strada. Con tutta probabilità, il tempio risale al V secolo a.C. Ne restano poche tracce, giusto la base dell’edificio, la scalinata d’ingresso e alcuni blocchi perimetrali. Alcuni reperti archeologici sono conservati nel Museo Faina, ospitato in un palazzo di fronte al Duomo – tel. 0763 341216.

5. Fortezza di Albornoz

Nei pressi del Pozzo di San Patrizio svettano le fortificazioni volute dal cardinale Egidio Albornoz nel secondo Trecento. Se volete concedervi un po’ di relax, i giardini interni dell’edificio sono perfetti. Se, invece, avete voglia di passeggiare, entrate dalla vicina Porta Soliana e scendete il sentiero delle Piagge fino a valle, per poi risalire in città con la funicolare.

6. Torre del Moro

La Torre del Moro svetta sul Palazzo della Mercanzia o dei Sette, dal nome di un’antica magistratura orvietana. Sopra la torre vi attende la vista più scenografica sulla città, un panorama a 360 gradi da togliere il respiro. Per arrivarci, salite gli stretti scalini – l’ascensore arriva solo fino al primo piano. A farvi compagnia ci sarà l’automa che batte le ore sulle due campane civiche – per visite, tel. 0763 344567, biglietto intero 2,80 euro.

7. Teatro Mancinelli

Dopo lunghi lavori di restauro, il teatro è stato restituito alla città nel 1993. La sua fondazione risale all’Ottocento. È in stile neoclassico, con un foyer elegante al piano nobile, ornato di rosette, capitelli corinzi e balaustre. Nella sala principale, alzate gli occhi al soffitto: vi appariranno le Quattro Stagioni. La primavera, con il trionfo dell’amore. L’estate, con la mietitura. L’autunno, con la vendemmia. E l’inverno, con la caccia al cinghiale. Biglietto d’ingresso per la visita al teatro 2,00 euro, tel. 0763 340422.

8. Enoteca Regionale dell’Umbria

L’Enoteca è nei sotterranei del Palazzo del Gusto, quelle che un tempo erano le cantine del Convento di San Giovanni. Suggestivi i locali, intrecciati con il labirinto di cunicoli etruschi scavati nel tufo. Ma le vere meraviglie sono i vini dell’Umbria. Se sceglierete la visita guidata, con degustazione, scoprirete la storia di Orvieto declinata in chiave enogastronomica – per prenotazioni, tel. 0763 393529.

9. Anello della Rupe

Se il tempo è bello e avete voglia di camminare, questo è il percorso che fa per voi. L’escursione si snoda tutt’attorno alla rupe di tufo su cui sorge Orvieto, nel Parco Archeologico Ambientale Orvietano. L’itinerario, con partenza da Piazza Cahen, nei pressi della Fortezza Albornoz, è un susseguirsi di saliscendi, più o meno impegnativi – ma gli strappi con forte pendenza sono tutti brevi. Per completare l’escursione, lunga circa 5 chilometri, serve circa un’ora e mezza. Non dimenticate scarpe e abbigliamento comodi.

10. Lago di Corbara

A meno di mezz’ora d’auto da Orvieto, ecco la meta giusta per una piccola fuga romantica. Nel lago, di origine artificiale, si tuffano le acque del Tevere: torrentismo, pesca sportiva, speleologia, canoa e canottaggio sono le attività più praticate. Ma se volete soltanto godervi la bellezza del lago, seguite in auto la strada panoramica che da Orvieto corre verso Todi. Ne vale sempre la pena.

Uno scorcio del DuomoIl Pozzo di San PatrizioIl Palazzo del Capitano del PopoloIl Teatro Mancinelli

18 luglio 2014  |  categoria: Regalati Emozioni

2 commenti a “10 cose da vedere a Orvieto”

  1. Pierpaolo scrive:

    E i sotterranei della chiesa di Sant’Andrea? E Orvieto Sotterranea? Cosa c’entra la diga di Corbara? Allora prima ci sarebbe La Badia!

  2. Dimore D'Epoca scrive:

    Buongiorno Pierpaolo, grazie per il commento. Questa è solo la nostra personale top 10 dei luoghi di Orvieto e dintorni. Non pretendiamo mai di essere esaustivi, senza contare il fatto che selezioni come queste sono per forza di cose personali, ossia filtrate secondo le proprie preferenze. Orvieto Sotterranea è citata al punto 3 dell’articolo (Pozzo di San Patrizio).
    Terremo a mente i tuoi consigli per un eventuale altro articolo dedicato a Orvieto e dintorni. Buona giornata!

Lascia un commento