Cosa vedere nelle Langhe

Il centro storico di Alba

Avete presente la Fiera Internazionale del Tartufo Bianco? Se siete in cerca di un ottimo pretesto per regalarvi un weekend nelle Langhe, segnatevi le sue date: ogni sabato e domenica, dal 12 ottobre al 17 novembre 2013 nel centro storico di Alba potrete vedere, annusare, assaggiare, acquistare il tubero bianco più prezioso che ci sia.

Le Langhe, però, non finiscono ad Alba. Fra le province di Cuneo e Asti, dove il paesaggio è collina e l’autunno sfoggia un incredibile bouquet di colori, il turismo è enogastronomico e culturale. Nella Provincia Granda troverete piccoli relais e monasteri antichi di secoli convertiti in eleganti hotel di charme. Basta affacciarsi da una finestra per incontrare con lo sguardo i filari di viti che tappezzano i poggi delle prime Langhe. Qui nascono grandi vini rossi: il Barolo e il Nebbiolo, il Dolcetto d’Alba e quello di Dogliani, il Barbera e il Barbaresco. Se siete appassionati di cantine, vi consigliamo di viaggiare sulla Strada del Barolo, un itinerario fra i 18 comuni della Bassa Langa.

Nel centro storico di Barolo, fate una sosta al WiMu, il Museo del Vino ospitato nell’antico castello dei Marchesi Falletti. Il suo percorso di visita è tutto particolare: si parte dal terzo piano, il più alto, e si finisce ai livelli semi-interrati, in un’ideale discesa in profondità nella cultura del vino. Esperienze multisensoriali, giochi di luce, pannelli multimediali vi racconteranno vita, morte e miracoli del frutto di Bacco. Il cerchio si chiude nell’enoteca, con un calice di Barolo in mano e il desiderio di continuare il viaggio. Per chi ama le curiosità, sempre a Barolo è da vedere il Museo dei Cavatappi, una collezione di 500 esemplari di utensili antichi provenienti da tutto il mondo – si parte dagli esemplari del Seicento.

Non avrete bisogno di esplorare le Langhe in lungo e in largo per scoprire castelli e borghi incantevoli. Ad ogni svolta e dietro ogni poggio spunta la torre di qualche fortezza medievale. Il modo migliore per visitarle è seguire l’itinerario dei Castelli delle Langhe e del Roero. Da non perdere, il Castello di Grinzane Cavour: al suo interno troverete l’Enoteca Regionale Piemontese, la seconda d’Italia per fondazione. Particolare il Castello di Serralunga d’Alba: a differenza degli altri manieri della Provincia Granda, il castello ha una forma allungata in verticale. Scalate una delle sue torri per una vista d’eccezione sulle colline delle Langhe.

Nelle terre del Barbaresco troverete alcuni fra i borghi più graziosi del Piemonte. Per esempio, Nèive. Su un piccolo poggio abbracciato dai vigneti spunta la Torre dell’Orologio. Intorno, il centro storico, eleganti palazzotti in cotto e stradine suggestive. Nèive sorge lungo la Strada romantica delle Langhe e del Roero, al pari di Treiso, scenario dei racconti di Beppe Fenoglio, e Trezzo Tinella, minuscolo borgo dell’Alta Langa con una delle più belle viste panoramiche della Provincia Granda.

Il borgo di BaroloL'ingresso al Museo dei Cavatappi di BaroloIn cantina...Colori d'autunno nelle Langhe

30 agosto 2013  |  categoria: Regalati Emozioni

Lascia un commento