Un viaggio sulla strada delle bollicine

Erbusco

Piccoli borghi in pietra. Torri e castelli. E poi vigneti. Tanti vigneti, a ricordarci che la Franciacorta è terra di vini e bollicine, le migliori d’Italia. Per raggiungerla, vi basta guidare fino a Brescia, lasciare l’autostrada e imboccare le stradine disegnate fra le colline e le tenute delle aziende agricole. Rodengo, Paderno, Provaglio, Corte Franca, Iseo.

La Franciacorta è un triangolo verde incastonato fra il lago, l’Oglio e Brescia. Qui la vacanza è sempre slow. In primavera e in estate potete viaggiare in bicicletta, sulla ciclabile che da Brescia corre fino a Paratico – 60 chilometri, circa 4 ore e mezza (percorso facile). In autunno e in inverno la gita diventa un buon pretesto per inebriarsi di Brut, Satèn, Rosé o Millesimato. I nomi sono tanti: Cà del Bosco e Bellavista a Erbusco, Conti Terzi a Rovato, i Fratelli Berlucchi a Borgonato, Monte Rossa a Bornato.

La Strada del Vino tocca 19 comuni della provincia di Brescia. Sono 80 chilometri ma diventano molti di più se rincorrete le stradine sinuose. Su e giù per le colline, fino a incontrare uno dei complessi monastici più imponenti d’Italia. È l’Abbazia olivetana di San Nicola, a Rodengo Saiano. Nella sua erboristeria, i monaci producono ancora i liquori a base di erbe. I monasteri delle antiche curtes francae – da cui il nome Franciacorta -, ci dicono che su queste terre, un tempo, erano insediate decine di comunità di benedettini.

Ma se aguzzate la vista, non dovrete faticare troppo per avvistare qualche castello. Il più straordinario è quello di Bornato, nell’omonima frazione del comune di Cazzago San Martino – aperto ogni domenica, ingresso a pagamento. Ha attraversato tutte le epoche. Il primo nucleo risale al periodo romano. Da roccaforte divenne castello nel Medioevo e villa nel Rinascimento. Affreschi del Seicento, una piccola collezione di porcellane e un giardino all’italiana. Poco più avanti, Erbusco e Villa Lechi, la più scenografica della Franciacorta. Il piccolo borgo di Erbusco è pittoresco come pochi altri: da vedere, i resti del castello e la Pieve di Santa Maria Assunta.

Da Erbusco costeggiate il Franciacorta Golf Club e arrivate fino a Provaglio d’Iseo. Davanti al paese, il Monastero di San Pietro in Lamosa e la riserva naturale delle Torbiere del Sebino, un’oasi di acqua, canne e vegetazione palustre colorata di ninfee in primavera.

Basta farsi strada nel verde delle Torbiere per conquistare le rive del Lago d’Iseo. Per un soggiorno vista lago, l’Hotel Araba Fenice, scelta di lusso in perfetto stile Liberty. Una serie di suite suggestive, il Ristorante Bella Iseo e l’attracco privato per salpare alla volta di Montisola, l’isola lacustre abitata più grande d’Europa. Romanticismo garantito.

Le uve della FranciacortaIl Castello di BornatoHotel Araba Fenice - Pilzone d'IseoPeschiera Maraglio (Montisola)

31 ottobre 2013  |  categoria: Regalati Emozioni

Lascia un commento