Cortona: sotto il sole della Toscana

Panorama di Cortona

Avete letto il best seller Sotto il sole della Toscana? Se Cortona è diventata una meta del turismo internazionale, gran parte del merito va al romanzo autobiografico di Frances Mayes – il film del 2003 tratto dal libro, con protagonista Diane Lane, ha fatto il resto.

Cortona è vera Toscana, un po’ medievale e un po’ etrusca, a pochi passi da Arezzo, dalle Crete Senesi e dal Lago Trasimeno. L’abbraccio delle mura antiche a proteggere il borgo. Le stradine in salita. I panorami dolci della Valdichiana, ondulati di poggi.

Curiosi di visitare il suo centro storico? I periodi migliori dell’anno sono la primavera e l’autunno.
Regalatevi una fuga in Toscana: basta scegliere una delle nostre dimore.

Palazzo Comunale e Palazzo del Capitano del Popolo

Si affacciano entrambi su Piazza della Repubblica, uno dirimpetto all’altro. Il primo fu fondato nel XII secolo sui resti dell’antico foro romano. Oltre la facciata dell’edificio spicca la torre campanaria; all’interno, la Sala del Consiglio, con un camino in pietra del Seicento.

Il Palazzo del Capitano del Popolo, di origini trecentesche, fu riadattato in stile rinascimentale dal cardinale Passerini, inviato dei Medici per controllare il borgo.

Via Nazionale e Piazza Garibaldi

Via Nazionale corre dalla distrutta Porta San Domenico per arrivare in Piazza della Repubblica. È detta anche di Rugapiana: non a caso, perché è una delle poche strade in piano del centro storico. Se amate gli scorci pittoreschi, fate caso ai vicoletti laterali del corso. Alla fine di Via Nazionale vi attendono Piazza Garibaldi e il suo belvedere, il posto giusto per godervi il più bel panorama della Valdichiana.

Duomo e Museo Diocesano

Il Duomo di Cortona è una vera e propria pinacoteca di arte sacra. Lo trovate a pochi passi da Palazzo Casali e dal Teatro Signorelli. In stile rinascimentale, la chiesa custodisce le pitture di Andrea Comodi, del Papacello e della scuola di Luca Signorelli. Di fronte al Duomo sorge il Museo Diocesano (tel. 0575 62830). Il museo ospita una collezione d’arte con le opere di Pietro Lorenzetti, Beato Angelico, Bartolomeo della Gatta, Sassetta e Luca Signorelli.

Palazzo Casali e Museo Etrusco

I piani nobili di Palazzo Casali, ubicato fra il Palazzo Comunale e il Teatro Signorelli, dal 1728 ospitano la sede dell’Accademia Etrusca. Oltre all’Accademia, il palazzo accoglie il Museo Etrusco (tel. 0575 630415), la Biblioteca Comunale e l’Archivio Storico Comunale. Nel Museo dell’Accademia Etrusca e della Città di Cortona potete ammirare, fra le tante opere, il lampadario etrusco, uno dei pezzi pregiati della collezione, e la Tabula Cortonensis, sette frammenti in bronzo, risalenti al III-II secolo avanti Cristo, con un’iscrizione riferita alla compravendita di terreni nei dintorni di Cortona.

Chiesa di San Domenico

Il centro storico di Cortona conta più chiese. In Largo Beato Angelico, appena fuori le mura del borgo, vi segnaliamo quella di San Domenico. Fondata nel Trecento e restaurata due secoli dopo, è tutta da vedere. Alzate lo sguardo sulla sua facciata: sopra al portale scorgerete una lunetta affrescata con una Madonna col Bambino e Santi eseguita da Beato Angelico; un’altra opera dell’Angelico, il Trittico di Cortona, un tempo custodito nella chiesa, è nella collezione del Museo Diocesano. Varcate la soglia della chiesetta. Verso l’altare maggiore, sulla sinistra, spunta la Madonna col Bambino e Santi di Luca Signorelli. Dietro l’altare, risplende il trittico di Niccolò Gerini, con il tema della incoronazione della Vergine.

Villa Bramasole

È la meta preferita dai turisti americani. La villa, il suo vero nome è Villa Laura, è stata il set per le riprese del film Sotto il sole della Toscana. Vi dobbiamo deludere, però, perché Villa Laura non è la vera tenuta acquistata da Frances Mayes. Per raggiungere la dimora, vi consigliamo la bella passeggiata dal centro storico di Cortona: dai giardini pubblici Parterre sono poco più di due chilometri.

Fortezza di Girifalco e Basilica di Santa Margherita

La fortezza sorge nel punto più alto di Cortona. Dall’alto del poggio, la Valdichiana e il Lago Trasimeno saranno a portata di vista. Protetto da quattro bastioni, l’edificio è aperto al pubblico solo in estate. Più che esplorare il suo corpo centrale, salite subito al secondo piano per accedere al camminamento di guardia: da quassù la vista arriva fino al Monte Amiata e al Monte Cetona.

Sulla strada che porta alla Fortezza incontrerete la Basilica di Santa Margherita, affidata ai monaci Olivetani e dedicata alla patrona di Cortona.

Palazzo ComunalePiazza Repubblica e Palazzo del Capitano del PopoloVia NazionaleMuseo Etrusco

18 settembre 2015  |  categoria: Regalati Emozioni

Lascia un commento