Cosa fare sul Gargano in estate

Vieste vista dal mare

Baciato dal sole. Abbracciato dal mare. Privilegiato dalla natura. Se non siete mai stati sul Gargano, ve ne innamorerete a prima vista. Se già lo conoscete, ci ritornerete per innamorarvene di nuovo. L’estate è la sua stagione. Scegliete uno dei nostri hotel di charme in Puglia e iniziate a esplorarlo insieme a noi.

Spiagge

Circa 140 chilometri di costa possono bastare? Il litorale del Gargano conta decine di spiagge, insenature, grotte naturali, baie e calette. Le spiagge basse e sabbiose le trovate soprattutto nella parte più settentrionale del promontorio, fra Rodi Garganico, Peschici e Vieste. Se cercate una meta esclusiva, dovete salire su una barchetta e raggiungere via mare qualche cala. Nei dintorni di Peschici vi aspettano la Baia di Gusmay e la Spiaggia della Cala.

Nei pressi di Vieste, le più suggestive sono la Spiaggia dei Colombi e la Cala della Sanguinara. La prima è racchiusa fra rocce e pini marittimi ed è preceduta da un trabucco costruito su una vicina scogliera: la Spiaggia dei Colombi è ideale per le famiglie con bambini ed è accessibile con facilità dalla strada litoranea vicina. La Cala della Sanguinara è incastonata nello scenario bianco della falesia carsica ed è raggiungibile sia via mare che da un sentiero ombreggiato da una fitta pineta.

Grotte

Verso sud, nei dintorni di Mattinata, il litorale diventa più aspro e roccioso, spesso inaccessibile via terra. È il tratto di Gargano con più grotte naturali: se amate l’avventura, non potete perdervelo. Per visitare questi antri vi servirà una barca, che potrete trovare senza troppa fatica a Mattinata o a Vieste. Dopo la Spiaggia di Mattinatella, una delle poche raggiungibili via terra, inizia la lunga sfilata di baie, grotte e calette. La prima è la Baia dei Mergoli, meglio nota come Baia delle Zagare: dirimpetto alla spiaggetta di sabbia bianca spuntano i due faraglioni.

Fra le cavità del Monte Barone troverete la Grotta Campana Grande, maestosa con i suoi 40 metri di altezza, e la Grotta Smeraldo. Dopo la località Pugnochiuso, la Grotta della Pergola, la Grotta Calda, la Grotta dei Marmi e la Grotta Rossa, riconoscibile per due piccole aperture scavate nella roccia dal mare – per questo è nota anche come Grotta dell’Occhio Magico. Poco oltre, la Grotta Sfondata Grande, introdotta da un lungo corridoio che conduce a una deliziosa spiaggetta dorata e a una piscina naturale di acqua limpidissima.

Escursioni

Mare, sole e spiagge. Il Gargano è questo e molto altro. Gran parte del suo territorio è tutelato dal Parco Nazionale del Gargano, polmone verde del promontorio con circa 2.200 specie botaniche. Per esplorare il parco potete scegliere la mountain bike, il cavallo o il quad. Fra gli itinerari più suggestivi, vi consigliamo quello intorno al lago di Varano, sul litorale settentrionale del Gargano: sfondo stradale ottimo, dislivello minimo, perfetto anche per i cicloturisti meno allenati. Per chi ha fiato da vendere, ci sono i 122 chilometri dell’itinerario con partenza e arrivo a Mattinata e passaggi nelle località di Coppa Santa Tenda e Monte Sant’Angelo.

Se preferite muovervi a piedi, vi suggeriamo gli itinerari nella Foresta Umbra, millenario cuore del Parco Nazionale del Gargano. Simile a un giardino botanico, la foresta conta decine di sentieri pedonali, aree di sosta attrezzate e una ricca varietà di fauna popolata da specie autoctone: fra le più rare, il Capriolo Garganico.

Isole Tremiti

Per raggiungerle dovete imbarcarvi da uno dei porti del Gargano – il più vicino è quello di Peschici, a circa un’ora e 15 minuti di nave. L’arcipelago delle Tremiti è composto da sei isole: tre sono abitate, le altre tre sono scogli o poco più.

Acque cristalline, fondali esotici, natura selvaggia, scogli e tanto sole. Le spiagge sono tutte rocciose, con l’unica eccezione della Cala delle Arene, sull’Isola San Domino, la più grande dell’arcipelago. Se amate le immersioni, vale la pena esplorare nei fondali delle Tremiti, ricchi di relitti e tesori nascosti.

La Spiaggia dei ColombiLa Baia delle Zagare con i faraglioniUn esemplare di Capriolo GarganicoLe Isole Tremiti

5 giugno 2013  |  categoria: Regalati Emozioni

Lascia un commento