I castelli del Chianti Senese

 

Chiudete gli occhi e immaginate una lunga teoria di colli. I vigneti tingono di verde la campagna. Se respirerete a fondo, sentirete il profumo dei fiori spontanei e dei frutti a bacca rossa e nera: li ritroverete tutti nel Chianti Classico, il rosso tipico di questo eden. Qui e là, sui poggi, spunteranno borghi e castelli incantevoli. E da questi partiamo per il nostro viaggio nelle terre del vino toscano…

Castello di Brolio

Tra i monti del Chianti alto ecco il Castello di Brolio, antichissima residenza come altre convertite in azienda agricola. Se la viticoltura è di casa in questo maniero, il merito spetta al “barone di ferro”, al secolo Bettino Ricasoli.

Del castello vero e proprio, convertito nel tempo a dimora signorile, resta il basamento del cassero, risalente ai primi anni del Mille. Da vedere le cantine della tenuta, il giardino all’italiana del Cinquecento e il parco romantico dell’Ottocento.

Castello della Leccia

Su un poggio della Valdelsa, a sud rispetto a Castellina in Chianti, sorge questo castello antico di almeno mille anni. Intorno al maniero, di proprietà della famiglia Daddi, è sorta una bella azienda agricola per la produzione di olio e vino.

Il borgo La Leccia vi sorprenderà. Sorto nel Medioevo, è abbracciato da querce, ulivi e lecci. Nelle radure vicine, d’autunno fioriscono le orchidee.

Castello di Tornano

Il Castello di Tornano vi attende nella campagna di Gaiole in Chianti, fra le colline punteggiate di cipressi, vigneti e alberi di ulivo. Se volete provare l’ebbrezza di dormire almeno una notte fra mura millenarie, sappiate che il castello offre suite di fascino, perfette per un weekend romantico o per una pausa rilassante, a debita distanza dallo stress della città. Se poi volete esplorare i dintorni, salite in sella: nel castello c’è anche un maniero…

Monterinaldi

Vi anticipiamo subito che del castello restano solo pochi resti. Ma questo vuol essere solo un pretesto per farvi conoscere Monterinaldi, tipico borgo chiantigiano nel comune di Radda. Già la sua posizione è deliziosa: il piccolo centro scruta l’orizzonte su un poggio affacciato sulla Val di Pesa. Se amate le cose buone, vi consigliamo il tour della cantina e il pranzo servito sul balcone con vista sui vigneti.

Rocca di Castellina in Chianti

La Rocca, oggi sede del Comune, ha due corpi di fabbrica squadrati e alte mura erette, pare, più di mille anni orsono. Una dritta? Salite sulla sommità del torrione per godervi un bel panorama sulle colline del Chianti.

Approfittate dell’occasione per visitare il borgo medievale di Castellina. La strada principale è Via Ferruccio. Al civico 26 troverete Palazzo Squarcialupi e nel palazzo potete visitare l’Enoteca Antiquaria, un archivio storico del vino con migliaia di bottiglie di Chianti Classico, dalla fine dell’Ottocento a oggi.

Spaltenna

Nel borgo medievale di Spaltenna, alle porte di Gaiole in Chianti, sorgono il castello e la pieve. Il primo, più antico della seconda, ha interni decorati con soffitti ad architrave e portali sontuosi.

La Pieve di Spaltenna, in stile romanico, fondata sul finire del X secolo e dedicata a Santa Maria, è affiancata dal monastero fortificato e da alcuni casali. Attorno, corrono i vigneti di Sangiovese dell’omonima tenuta: oltre mille ettari per la produzione del Chianti Classico.

Se site inoltre alla ricerca di luoghi incantati dove pernottare, guardate la nostra selezione di Dimore D’Epoca in Toscana.

 

12 aprile 2016  |  categoria: Regalati Emozioni

Lascia un commento