I borghi medievali dell’Umbria: un itinerario in 6 tappe

Scorcio del borgo di Bevagna

A contarli tutti non basterebbe una vita intera. Borghi abbandonati e borghi romantici. Borghi grandi e borghi piccoli. Borghi medievali e borghi rinascimentali. Orfana di grandi città, ricca di natura, colline e campagne, l’Umbria conta centinaia di borghi. Ecco la nostra personale selezione. Una vacanza o un weekend? Scoprite i nostri hotel in Umbria.

Bettona

La prima tappa del nostro itinerario è questo borgo in provincia di Perugia. Bettona è verso il confine nordorientale dei Monti Martani, ha origini etrusche e sorge su un colle al centro dell’Umbria. Inutile dire che dalla sommità del poggio la vista è stupenda: da ovest verso est incontrerete con lo sguardo Perugia, Assisi, Spello e Foligno. Il borgo è racchiuso fra spesse mura medievali, in parte ricalcate su quelle etrusche. Da vedere la Collegiata di Santa Maria Maggiore, Palazzo Biancalana, con la collezione artistica del Museo della Città, e la Madonna della Pietà del Perugino esposta nel Palazzetto del Podestà. Le specialità del borgo? Vino, olio extravergine di oliva e la torta al testo.

Spello

Fra tutti i borghi dell’Umbria, Spello merita una nota speciale. Nata come colonia romana e appellata da Giulio Cesare con il titolo di Splendidissima, Spello è abbracciata da ulivi secolari, filari di viti e coltivi di cereali. Fra i tesori del centro storico, due portano la firma del Pinturicchio: sono gli affreschi nella cappella Baglioni della Collegiata di Santa Maria Maggiore e l’olio su tela in Sant’Andrea. Due gli appuntamenti principali nel borgo: la festa dell’olio, in programma fra dicembre e gennaio, e l’Infiorata del Corpus Domini, fra maggio e giugno.

Bevagna

Premiato con la Bandiera Arancione del Touring Club per la qualità del suo ambiente, il borgo di Bevagna è un grazioso angolo di Medioevo fra Foligno e le prime alture dei Monti Martani. Nel centro storico, una delle più belle piazze medievali di tutta l’Umbria (Piazza Silvestri), il Palazzo dei Consoli, le chiese romaniche di San Michele e San Silvestro. I periodi migliori per visitare Bevagna? Ad aprile, mese della Primavera Medievale e di Arte in Tavola. E l’ultima settimana di giugno, per il Mercato delle Gaite, la rievocazione storica di usi e costumi a Bevagna nell’Età di Mezzo.

Montefalco

Questo borgo è famoso per due motivi. Il primo? La vista panoramica. Dalla sommità del colle su cui sorge Montefalco potete abbracciare gran parte della vallata fra Assisi e Spoleto – non per nulla il borgo è noto come la ringhiera dell’Umbria. Il secondo? Il Sagrantino, vino rosso da meditazione, fra i più pregiati dei tanti prodotti nella regione. La chiesa di San Francesco custodisce una Natività dipinta dal Perugino e un ciclo di affreschi di Benozzo Gozzoli. L’Agosto Montefalchese e l’Enologica Montefalco (fine settembre) vi condurranno per mano alla scoperta della storia e dei prodotti tipici del borgo.

Massa Martana

Antica stazione di sosta lungo la via Flaminia, il borgo è tornato a nuova vita dopo il terremoto del 1997. Massa Martana splende ai piedi dei Monti Martani, a meno di mezz’ora d’auto da Todi. Circondato da alte mura castellane, al borgo si accede per una grande porta. Al centro, piazza Umberto I, la Chiesa di San Felice e il palazzo che nel 1849 accolse Giuseppe e Anita Garibaldi. Prodotti tipici del borgo? La nociata, torrone fatto con noci, miele e albumi d’uovo, i tartufi, i funghi, i vini e l’olio extravergine di oliva DOP dei Colli Martani.

Scheggino

È un minuscolo borgo a circa un quarto d’ora da Spoleto – ad oggi conta meno di 500 anime. Scheggino si specchia nelle acque del Nera e con il suo fiume vive da sempre in simbiosi perfetta. Il centro storico è un piccolo gomitolo di stradine pittoresche e casette che s’arrampicano verso la prima montagna. Nel centro del borgo corre ancora il canale artificiale che alimentava l’antico mulino. Tutt’attorno, il verde dei lecci, dei bossi e dei pini d’Aleppo. Ma il vero tesoro di Scheggino è il suo tartufo, nella varietà bianca e nera. Per assaggiarlo, vi segnaliamo la Fiera del Tartufo, nel secondo weekend di maggio, e Tartufando, nella seconda domenica di giugno.

BettonaSpelloBevagnaBevagna - Piazza Silvestri

MontefalcoMassa MartanaSchegginoScheggino - Centro storico

6 febbraio 2013  |  categoria: Regalati Emozioni

1 commento a “I borghi medievali dell’Umbria: un itinerario in 6 tappe”

  1. luigi picchi scrive:

    bellissimi, sceglierne solo uno…..e’ imbarazzante

Lascia un commento