L’Alta Valsesia in estate: short break nelle terre dell’orgoglio Walser

L'Alta Valsesia e il Massiccio del Monte Rosa

Vista dall’alto, la valle disegna una esse sinuosa. La strada sale, supera tornanti e prati verdi. Il capolinea è il Massiccio del Monte Rosa, il più esteso delle Alpi e secondo per altezza solo al Monte Bianco. Per raggiungere i 4.634 metri di Punta Dufour, la vetta più alta, servono quasi nove ore dal versante italiano di Passo dei Salati. L’Alta Valsesia è la palestra degli sport all’aria aperta, in estate e in inverno. Se avete pochi giorni per le vostre vacanze, ricordatevi che la Valsesia è la vera montagna a portata di mano – dista poco più di due ore da Milano e da Torino.

Per il vostro soggiorno, una meta d’eccezione. Un pittoresco villaggio di montagna e una villa dell’Ottocento: si chiama Relais San Rocco e ha tutto quello che serve per stupirvi piacevolmente. Scegliete una delle sue suite ospitate negli chalet in pietra, assaggiate i piatti tipici della Valsesia e le ricette Walser nel suo ristorante. Ma prima, fate un salto nella Baita del benessere per provare la welltherapy sul lettino ad acqua.

Sole, roccia, verde, ghiaccio. A quota mille l’aria pizzica e allenta la tensione. Per quanto potrete viaggiare, solo in Alta Valsesia troverete tante specie di flora e di fauna. Nel Parco Naturale Alta Valsesia, l’area protetta più alta d’Europa, il ventaglio di escursioni è notevole. Per chi ha voglia di camminare zaino in spalla, la scelta può cadere sull’anello degli alpeggi (4 ore e 30 minuti). L’itinerario inizia e finisce nel villaggio di Riva Valdobbia: basta seguire il sentiero 91A fino al rifugio Vailè. Armatevi di binocolo, perché nelle praterie e all’ombra dell’Alpe Vallè incontrerete camosci e marmotte. Per conquistare il rifugio dell’Alpe Larecchio, invece, bastano poco meno di due ore partendo da Alagna. Lungo il cammino, supererete un laghetto color smeraldo e il piccolo borgo di Peccia, un grumo di case in perfetto stile Walser.

Per chi è in vena di imprese folli (o quasi) c’è sempre il Grande Sentiero Walser. Sono 800 chilometri contrassegnati dalla lettera “W” suddivisi in 34 tappe (e 15 possibili varianti), che dalla svizzera Zermatt arrivano fino a Mittelberg, nella Klein Walsertal austriaca. Il tratto in Alta Valsesia corre da Gressoney-St.-Jean all’imbocco della valle. Troppo faticoso? Per uno sguardo da vicino alla cultura Walser, meglio allora l’ecomuseo della Valsesia, con sedi ad Alagna e in alcune frazioni dei dintorni.

E se vi venisse una voglia irrefrenabile di sport? Nessun problema, in Alta Valsesia potete fare tutto. Per i più spericolati, canoa e rafting nelle acque impetuose di fiumi e torrenti. Per il golf, salite sull’Alpe di Mera. Potete scegliere una bella parete di roccia per cimentarvi in un’arrampicata in cordata o in solitaria o una mountain bike per una tranquilla escursione verso il fondovalle. Per un trekking fra le nuvole, la salita a Punta Gnifetti fino al Regina Margherita, il rifugio più alto d’Europa – solo per chi ha fiato da vendere.

Relais San RoccoLaghetto ai piedi dell'Alpe LarecchioIl Rifugio Margherita sulla Punta Gnifetti

9 agosto 2013  |  categoria: Regalati Emozioni

Lascia un commento