10 cose da vedere a Capri

Il mare di Capri

Vi chiederete: solo 10 cose ci sono da vedere a Capri? Ovviamente no. L’isola è minuscola, un puntino nel mare magnum della Campania, ma trabocca di luoghi interessanti. Noi ne abbiamo scelti dieci: è una selezione personale, del tutto opinabile. Volete scrivere le vostre mete del cuore a Capri? Commentate questo articolo a fondo pagina. Se invece siete in cerca di un hotel sull’isola, vi suggeriamo Villa Le Scale, lussuosa residenza d’epoca nel centro di Anacapri.

1. La Piazzetta di Capri

Tutto inizia qui. La Piazzetta di Capri, al secolo Piazza Umberto I, è il luogo di ritrovo più mondano dell’isola azzurra. È anche il luogo del caffè del mattino e dell’aperitivo aspettando la cena. È l’ombelico del mondo, perché qui, ogni estate, si dànno appuntamento VIP e capitani d’industria, politici e attori del jet set internazionale.

2. Marina Grande

Se ancora non siete stati sull’isola azzurra, dovete sapere che il borgo di Capri sorge in posizione rialzata rispetto al mare. Il modo più comodo per raggiungere il centro è la funicolare in partenza da Marina Grande. Marina Grande è il porto dell’isola, punto d’arrivo e di partenza per tutti gli aliscafi e i traghetti provenienti da Napoli e dagli altri centri della costa campana. A Marina Grande troverete la spiaggia più ampia di tutta l’isola, una manciata di stabilimenti balneari e il porto turistico con gli ormeggi per le imbarcazioni private.

3. Marina Piccola

Sul versante sud dell’isola, sul lato opposto rispetto a Marina Grande, troviamo Marina Piccola, uno dei luoghi più incantevoli di Capri. Se cercate una spiaggetta con vista sui Faraglioni, l’avete trovata. Dalla Piazzetta di Capri bastano pochi minuti a piedi per raggiungerla: basta seguire la panoramica Via Krupp dai Giardino di Augusto. Scendete lungo la scalinata per arrivare in riva al mare. Durante la discesa scorgerete lo Scoglio delle Sirene, un gruppo di rocce che dividono la baia di Marina Piccola in due spiaggette, Marina di Pennauro e Marina di Mulo: secondo alcuni storici, su questi scogli le sirene ammaliarono Ulisse.

4. Giardini di Augusto e Via Krupp

Accanto alla passeggiata di Via Krupp, a pochi minuti dalla Piazzetta di Capri, i Giardini di Augusto propongono una serie di terrazze fiorite affacciate su Marina Piccola e sui Faraglioni. È il luogo classico per scattare una foto panoramica. Via Krupp, che scende sinuosa a disegnare una sequenza di tornanti tagliati nella nuda roccia, è considerata da molti una delle strade pedonali più spettacolari al mondo.

5. I Faraglioni

Sono il simbolo dell’isola azzurra. I Faraglioni sono tre formazioni rocciose a forma di picco alte circa cento metri e spruzzate dal blu del mare. C’è il Faraglione di Terra (o Saetta), l’unico ancora unito alla terraferma nonché il più alto dei tre (109 metri); il Faraglione di Mezzo (o Stella), bucato al centro da una cavità; il Faraglione di Fuori (o Scopolo), habitat della Podarcis sicula coerulea, nota anche come “lucertola azzurra”. Del complesso roccioso fa parte anche un quarto faraglione, lo scoglio del Monacone, fino al secolo scorso frequentato dalla foca monaca.

6. La Grotta Azzurra

Non potete dire di aver visitato l’isola senza essere entrati nell’antro più magico di Capri. La Grotta Azzurra è famosa in tutto il mondo per l’incredibile gioco di luci delle sue acque. La trovate sul versante nord-occidentale dell’isola, appena sotto la Villa Damecuta di Anacapri, nei pressi del lido di Gradola. Per visitarla dovete salire su una delle tante barchette a remi (vietato fare il bagno).

7. Il giro dell’isola in barca

Per esplorare ogni angolo remoto di Capri dovete imbarcarvi a Marina Grande e godervi uno dei tanti tour organizzati. In alternativa, potete noleggiare una barca tutta per voi, con o senza guida. Solo così potrete scoprire calette celate agli occhi dei più, piccole insenature, spiaggette sassose e fondali tanto limpidi quanto irresistibili: una sosta e un tuffo sono d’obbligo.

8. Anacapri

Una serie di piazzette e stretti vicoli disegnano l’arabesco del centro storico di Anacapri, il secondo borgo dell’isola dopo Capri. Tanto è mondana e brulicante di turisti Capri, quanto è silenziosa e rilassante Anacapri. Passeggiate verso Piazza Boffe, una delle contrade più antiche di Anacapri, perdetevi fra le botteghe dei maestri artigiani, i negozietti di souvenir e i ristoranti con le specialità dell’isola. Oppure, raggiungete Piazza Vittoria per salire sulla seggiovia che conduce fin sulla cima del Monte Solaro. Inutile dire che da lassù il panorama è da togliere il fiato.

9. Villa San Michele

L’isola di Capri fu il buen retiro per diversi imperatori romani. Di ville l’isola azzurra era ricca. Su un sito di una fra queste, nel territorio di Anacapri, il medico svedese Axel Munthe fece erigere la sua dimora privata. Munthe era un appassionato di archeologia: durante i suoi viaggi in giro per il mondo raccolse una serie di reperti di epoca romana, etrusca ed egizia, tutti esposti nella sua dimora caprese. Villa San Michele è diventata così un museo aperto al pubblico, un luogo magico, ricco di suggestioni – il suo giardino e il belvedere affacciato sul Golfo di Napoli valgono da soli il prezzo del biglietto. Dal centro di Anacapri, per raggiungere Villa San Michele dovete percorrere Via Capodimonte.

10. Punta Carena

La trovate sull’ultimo lembo occidentale dell’isola. Su Punta Carena svetta uno dei fari più antichi d’Italia. La località è frequentatissima dagli amanti del bagno in mare e delle tintarelle. Il sole la illumina dall’alba al tramonto e quando l’astro tinge di rosa l’orizzonte marino, ha inizio lo spettacolo del faro in funzione. La passeggiata al faro di Punta Carena è una delle più romantiche dell’isola azzurra.

La Piazzetta di CapriI Faraglioni al tramontoVilla Le Scale - AnacapriLa serie di tornanti di Via Krupp

15 marzo 2013  |  categoria: Regalati Emozioni

Lascia un commento