Una ciaspolata indimenticabile tra i monti della Val d’Aosta

Dove andare e cosa indossare per una ciaspolata immersi nella neve delle Alpi?

Le racchette da neve, dette anche ciaspole, sono uno strumento che permette di spostarsi agevolmente a piedi sulla neve fresca e tipicamente usate in attività di escursionismo invernale.
Le possibili escursioni sono tra le attività più amate da grandi e piccini negli ultimi anni, complice la passione crescente per le discipline sportive invernali e le escursioni alla scoperta del territorio anche durante la stagione fredda.

Le ciaspole

Originariamente le ciaspole erano realizzate con l’utilizzo di corda intrecciata e legno e il nome è un termine del ladino noneso (originario della Val di Non, in Trentino), entrato ormai nel linguaggio comune dopo il successo de “La Ciaspolada“.
Si indossano direttamente e con facilità sulle scarpe e permettono di muoversi sul manto nevoso senza sprofondare eccessivamente e senza scivolare. Si differenziano dalla fibbia di chiusura che deve sempre trovarsi all’esterno. Il piede va inserito in modo tale che la punta e il tacco dello scarpone siano rispettivamente sopra il puntale e il centro della racchetta, quindi va fissato stringendo le cinghie (anteriore e posteriore). Esistono anche racchette da neve con attacchi automatici molto simili a quelli dei ramponi, composti da due ferretti (uno anteriore ed uno posteriore), che si incastrano in apposite scanalature presenti sugli scarponi. Questo sistema rende l’attacco molto più facile, ma richiede racchette da neve e scarponi dedicati all’uso.
Le racchette da neve sono molto utilizzate per le escursioni invernali sulla neve, per facilitare la camminata si utilizzano bastoncini, simili a quelli utilizzati nello sci, che aiutano nella spinta.

Il posto migliore per una ciaspolata? Le montagne della Val d’Aosta!

Uno dei luoghi più affascinanti per una ciaspolata divertente e suggestiva è sicuramente la Val d’Aosta con le sue imponenti montagne e le sue tipicità ad ogni sguardo, profumo e paese.
Qualche esempio? L’Anello Ferraro / Verra con partenza da Saint-Jacques (1690 mt.) e arrivo al Rifugio Ferraro (2066 mt.), oppure partendo dalla cittadina di Cogne a Valnontey risalendo fino al Rifugio Vittorio Sella a 2579 mt. Per due ore e 25 minuti di ciaspolata sulla neve e circa 900 metri di dislivello.
Tra distese di neve candida e panorami mozzafiato, la cosa important,e in ogni caso e come per tutte le attività in montagna, sarà non avventurarsi in percorsi difficili e faticosi. Meglio informarsi approfonditamente sull’itinerario da seguire, valutando le condizioni della neve e consultando sempre le previsioni del tempo.

Dove soggiornare in Val d’Aosta?

Maison Cly è un albergo a 4 stelle elegante ed accogliente situato in una delle più suggestive conche alpine. In tipico stile tradizionale con legno e pietra, dopo una profonda ristrutturazione oggi si caratterizza per la calda ospitalità riservata alla sua clientela, per l’accoglienza familiare, per l’attenzione e la cura del servizio e per la buona cucina tradizionale ma dal gusto moderno accompagnata dai vini regionali di pregio. Un sorriso, una parola cortese, un ambiente d’atmosfera e ci si sente a casa! Il bar con terrazza è il luogo di ritrovo ideale dopo una giornata trascorsa all’aria aperta con bevande calde e fredde, aperitivi, tisane d’erbe e proposte a tema. La sala lettura è un luogo per momenti sereni, per condividere il piacere della lettura e per il relax. Da provare anche il piccolo e accogliente Centro Benessere, dotato di sauna, vasca idromassaggio, bagno turco, doccia scozzese, doccia emozionale, percorso kneipp e zona relax con vista sulla Valle.

18 gennaio 2018  |  categoria: Dimore D'Epoca, Itinerari nelle Dimore

Lascia un commento