Un weekend d’arte a Venezia dalla Biennale a San Marco

Quali sono i luoghi imperdibili per trascorrere un weekend d’arte a Venezia tra calli, ponti, musei, esposizioni e bacari? Ecco le tappe di un soggiorno nella città più romantica del mondo

 

Aprirà al pubblico il 13 maggio la 57^ Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, intitolata “Viva Arte Viva” e che accompagnerà turisti e viaggiatori in un percorso tra l’Arsenale e i Giardini della Biennale fino al prossimo 26 novembre.
120 artisti partecipanti provenienti da 51 paesi e, ad arricchire il programma espositivo, anche numerosi eventi collaterali, dalle performance alle mostre. Un’occasione in più per regalarsi un weekend d’arte a Venezia, alla scoperta del patrimonio culturale della città e delle più recenti avanguardie protagoniste alla Biennale.

Venezia, con le sue 118 isole e i suoi oltre 400 ponti, è una città patrimonio dell’umanità che si specchia nell’acqua, dalla quale i viaggiatori sono rapiti per via della bellezza e della moltitudine di monumenti e opere d’arte.
A partire da Piazza San Marco che prende il nome dalla celebre Basilica, costruita in stile orientale e sormontata da cinque cupole bizantine. Il vasto spazio si apre da un lato aperto verso la laguna e dagli altri delimitato dall’alto Campanile e dai prestigiosi palazzi storici delle Procuratie Vecchie e Nuove e Palazzo Ducale.
Poco lontano, l’elegante Ponte dei Sospiri sarà tappa obbligata di un weekend d’arte a Venezia magari con un romantico giro in gondola a risalire il Canal Grande, passando dal Ponte di Rialto, uno dei luoghi animati dal transito dei turisti.
Una città da vivere a piedi tra le intricate calli, i campi e i ponti per scoprire i tesori della barocca Santa Maria della Salute, delle Gallerie dell’Accademia con i capolavori dei pittori veneziani tra il Trecento e il Settecento e della Scuola di San Rocco con il ciclo di tele di Tintoretto.

Il weekend d’arte a Venezia sarà impreziosito dalle proposte di arte moderna e contemporanea, dalla rinnovata Punta della Dogana a Palazzo Grassi dove fino a dicembre è in corso la personale di Damien Hirst, e alla Casa Tre Oci dove è in programma fino ad inizio settembre la mostra delle opere del fotografo surrealista David LaChapelle.
Fino ad arrivare alle avanguardie artistiche esposte proprio alla Biennale 2017, in un percorso espositivo che si sviluppa intorno a nove capitoli o famiglie di artisti, con due primi “universi” nel Padiglione Centrale ai Giardini e gli altri sette dall’Arsenale fino al Giardino delle Vergini.
Tra una passeggiata e una mostra, poi, sarà un piacere abbandonarsi alle tradizioni marinare e alla cucina tipica veneziana, tra un cicchetto e un’ombra di vino in un piacevole giro a bacari, tipiche osterie veneziane divenute un must negli itinerari veneziani.

E, dulcis in fundo, si potrà godere della bellezza e dell’atmosfera magica della città soggiornando in una dimora d’epoca prestigiosa, come il Duodo Palace Hotel la cui struttura a pochi passi dal Teatro la Fenice risale al 1586, o Palazzo Ruzzini, antica residenza settecentesca affacciata su Campo Santa Maria Formosa e sul rio del Paradiso.

Per vivere la città di Casanova tra arte, storia, tradizione e scorci impareggiabili.

 

 

4 maggio 2017  |  categoria: Dimore D'Epoca

Lascia un commento