Tutto lo spirito del Chianti

Avete presente il paesaggio ondulato di colline della Toscana? Fra i poggi del Chianti ci vuol poco a perdersi. Di borgo in borgo e di cantina in cantina, vi accompagniamo per mano alla scoperta dei borghi storici del Chianti.

 

Castellina

Ha origini antichissime, come raccontano le tombe etrusche di Montecalvario. Sorge su una collina, al crocevia delle strade che attraversano Arbia, Elsa e Val di Pesa. Il borgo si dipana fra la Rocca, la piazza e la suggestiva Via delle Volte, un camminamento coperto che corre sotto gli archi di sostegno degli edifici. Vi diamo una dritta. Per acquistare una buona bottiglia di Chianti Classico, raggiungete l’Enoteca le Volte, al civico 12 di Via Ferruccio.

 

Greve

È la porta del Chianti. La vita del paese ruota attorno alla piazza principale, di forma triangolare e dominata dalla statua del navigatore Giovanni da Verrazzano. Sui tre lati della piazza si aprono i portici con le botteghe artigiane e i negozietti con i prodotti tipici del Chianti. Fra i venditori storici, vi segnaliamo l’Antica Macelleria Falorni, macellaio toscano attivo dal 1729, e la Bottega dell’Artigianato, specializzato in cesti intrecciati a mano e prodotti in legno d’ulivo.

Da non perdere la visita alle Cantine di Greve, il santuario laico del Chianti Classico.

Su un poggio sopra a Greve sorge il borgo fortificato di Montefioralle, una manciata di case pittoresche, inclusa quella che diede i natali ad Amerigo Vespucci.

 

Gaiole

Il borgo ha origini medievali e sorge sul fiume Massellone, sulla strada che unisce il Chianti al Valdarno. I dintorni di Gaiole sono ricchi di castelli, pieve romaniche, tenute agricole e abbazie. Fra le tante mete da non perdere, vi segnaliamo il Castello di Tornano, immerso fra colline di cipressi, vigneti e alberi di ulivo; le sue suite sono per inguaribili romantici.

 

Panzano

La piccola frazione di Greve è immersa nei boschi del Chianti. Snodo fra Chianti senese e Chianti fiorentino, sorge a 500 metri d’altitudine. Per una visita rapida al piccolo centro, vi segnaliamo il castello del borgo, la Pieve di San Leolino, una delle chiese romaniche più importanti del Chianti e, per chiudere in bellezza, l’Antica Macelleria Cecchini, nota per la famosa bistecca alla fiorentina, tagliata decantando la Divina Commedia.

 

Radda

Oltre le antiche mura si schiude il dedalo di vie e vicoli del borgo medievale. Da vedere il Palazzo del Podestà e la Chiesa di San Niccolò. Nei dintorni, il Castello di Volpaia, dal caratteristico colore scuro, e, ultima ma non ultima, la Commenda di Sant’Eufrosino, chiesa del Quattrocento in stile rinascimentale.

 

Per rendere la vostra esperienza indimenticabile non vi resta poi che pernottare in un selezionato hotel della collezione Dimore D’Epoca.

 

19 gennaio 2017  |  categoria: Dimore D'Epoca

Lascia un commento